martedì 11 settembre 2018

lavera triste storia dei miei libri

La triste storia dei miei libri.

Perché 'Non è vero' non si trova di carta?
Non lo so, ma tenterò di raccontare come è andata e vi farete un'idea visto che in tanti me lo chiedete.
Immaginail'incipit di quel libro una mattina mentre mi lavavo i denti.
C'erano un bambino e una bambina che dialogavano fitto parlando di una candela. No, non se lo ricorda quasi nessuno immagino, però era un bel dialogo tra due bambini e il libro si intitolava 'Si è fatta la luna'.
Mi ricordo che fui affascinato da quel dialogo perché non è facile far parlare due bambini senza dire banalità, e piacque anche ai lettori perché non si lamentò mai nessuno.
Quelle pagine erano venute così bene che decisi di proporle a qualche editore. Ma come? Spedendo un file word?
No, ebbi un'idea migliore. Andai avanti nel racconto fino a concludere il mio primo romanzo giallo con Serena Ainardi e Renzo Cremona.
Il titolo era si è fatta la luna e fa riferimento a fenomeni meteorologici perché, a quanto pare, la luna nuova può influire sul clima del mese entrante e, siccome ci aspettavano clamorose tempeste, mi fece comodo intitolarlo così, e inoltre non era neanche un brutto titolo.
L'amico Ivan Barra fece una bellissima copertina grafica e io presi accordi con uno stampatore e tirai seicento copie. Sembrava davvero un libro fatto e finito, con la bellissima copertina in cartoncino lucido, e aveva persino un prezzo: tipo 14 euro.
Alla Piemme (e ad altri editori) mandai un'unica copia scrivendo che le copie erano pochissime, tipo 199.
Mentivo ovviamente. Perché più copie avessi distribuito io, meno ne avrebbero vendute loro.
In Piemme un giorno, racconta la storia, si trovarono la direttrice editoriale Maria Giulia Castagnone ed il critico letterario del Sole 24 Ore Giovanni Pacchiano, collaboratore esterno di Piemme: si divisero i primi due pacchi della montagna di libri che avevano davanti ed il mio “Si è fatta la luna” toccò a lui che se lo portò a casa.
Dopo pochi giorni Pacchiano convinse Piemme a comprare i diritti di pubblicazione del libro.
In questi casi l'editore non ti scrive una lettere dicendo “Abbiamo ricevuto il suo scritto e ci è piaciuto molto”, no, di solito ti scrivono per dirti che l'hanno ricevuto, ti ringraziano ma non sono interessati.
Quando invece interessa ti telefonano.
Fu così che, tra lacrime di gioia, ricevetti la telefonata di Francesca L. un pomeriggio: mi confermava di ave ricevuto il manoscritto, che era piaciuto molto e che erano interessati alla pubblicazione.
Cosa dovevo fare oltre che piangere?
Firmare il contratto.
E andò esattamente così. Nel 2010 cedetti i diritti di pubblicazione di Si è fatta la luna alla Piemme, gruppo Mondadori.
I diritti d'autore sono intoccabili e saranno miei per sempre, ma i diritti di pubblicazione furono ceduti quel giorno di ormai otto anni fa, non mi appartengono più.
Nell'occasione mi fu assegnata una editor (L.G.) per la messa a punto del testo definitivo, lavoro si sarebbe dovuto concludere entro l'estate.
Invece, pochi giorni dopo, la curatrice della collana, Francesca, andò in maternità, lasciandomi completamente nelle mani della giovane L.G., la quale, sospetto fin da allora, non amasse per nulla il mio romanzo.
Alla giovane ediror piaceva il Salone del Libro, avere per amici gli scrittori famosi e frequentare il “giro”, ma non il mio libro.
Passano i giorni, i mesi e se li conti anche i minuti,(cit. De André) e non succede nulla. E nessuno mi chiama più.
Vengo invece a sapere che, oltre a Francesca in maternità, anche la direttrice di piemme Maria Giulia Castagnone aveva lasciato Piemme e che non c'era nemmeno più il collaboratore esterno giovanni Pacchiano.
Insomma, hanno comprato i diritti di pubblicazione di un libro e in Piemme non lo sa più nessuno. E a nessuno frega niente.
Ovviamente, ogni qualche settimana mi faccio vivo io con la giovane L.G. chiedendo quando si inizia l'editing...lei mi rimbalza di settimana in settimana senza offrirmi risposte.
Passa quasi un anno quando mi chiama l'editor, chiama lei stavolta. Una chiamata che non mi aspettavo più.
Mi dice che si inizia? No, mi comunica che non ci sono spazi editoriali nel prossimo futuro per il mio romanzo e che la casa editrice è disposta a restituirmi i diritti di pubblicazione a titolo gratuito, che è come dire “il tuo libro non ci interessa, ti restituiamo i diritti e non vogliamo soldi indietro”.
Voi, che cosa avreste fatto?
Io scoppiai a piangere.
Sbagliavo, avrei dovuto accettare e ricominciare da capo. Però pensate alla scala della delusione che mi colse quel giorno: essere scelto tra decine di migliaia di aspiranti autori da Piemme e poi scartato. Per questo piansi invece che accettare.
Per questo oggi non ho i diritti.
Fu soltanto due anni dopo, che la stessa L.G. mi disse “però il tuo romanzo può uscire come ebook Piemme original”.
Cosa significava ebook Piemme original? Semplicemente è una collana di ebook, quindi solo in formato elettronico, non mutuati in libri di carta (sai che valore aggiunto!).
ovvio che accettai. Avevo scelta?
Quell'anno andai al Salone del Libro di Torino e per puro caso mi sedetti in una sala presso la quale, pochi minuti dopo, il nostro professor Pacchiano avrebbe presentato il suo nuovo romanzo.
Mi sedetti tra il pubblico in attesa. Dopo poco, una elegante ed autorevole signora seduta davanti a me cominciò a fotografare con suo cellulare alcuni dei manifesti che adornavano la sala, affissi
lungo tutto il perimetro.
Di che cosa si trattava? Di micro racconti lunghi massimo mille caratteri; micro thriller fatti e finiti da me inventati e redatti e per allestire lo stand del cioccolato Gobino.
Le feci tap tap sulla spalla incuriosito dalla sua curiosità per i racconti e lei mi confermo che li trovava interessanti.
Le domandai se per caso lei fosse un'agente letterario in incognito e lei mi domandò se per caso fossi l'autore dei micro racconti. Lo eravamo entrambi.
Finita la presentazione del libro di Pacchiano mi avvicinai all'autore per congratularmi e averne una copia. Il professor pacchiano mi disse “ma che fine ha fatto il suo romanzo?, perché non l'ho visto pubblicato? Era veramente un buon testo”. Gli confessai che purtroppo ne sapevo quanto lui, anzi meno, e vagamente umiliato accettai in regalo una copia del suo lavoro appena presentato.
“Ma lei non doveva cedere”, mi redarguì Pacchiano. Naturalmente aveva ragione, anziché riprendermi i diritti mi ero lasciato prendere dallo sconforto immaginando che un autore non potesse avere due occasioni nella stessa vita.
La domanda successiva che mi rivolse fu: “ma ha scritto altro?” ed io, che nel frattempo avevo già finito, impaginato e stampato Giulia dorme gli dissi “certo” e gliene consegnai una copia cartacea.
Già che c'ero gli diedi anche una copia di Destini incrociati, anche quello fresco di autostampa, naturalmente autocertificando in perfetta malafede una tiratura falsa di poche centinaia di copie.
Passano pochi giorni e mi richiama direttamente Pacchiano, anzi, mi scrive una mail che ho il piacere di riportare integralmente:

Caro Aldo, ho finito di leggere ora il suo romanzo, che ho trovato bellissimo, come del resto il primo.
Ho già espresso con molta decisione per telefono il mio parere a Francesca L., che peraltro non è responsabile della sorte del primo libro, visto che era in maternità.
Ora, sto parlando privatamente, sorge secondo me un problema.
Questo secondo libro, benché lei riassuma per sommi capi la vicenda del prima, a mio mparare avrebbe bisogno di lettori che avessero letto il primo. Perchè, senza averlo letto, la prima parte può risultare un po' troppo vaga nei riferimenti. Forse all'inizio, dunque, occorrerebbe fare un intervento più deciso di riassunto, per così dire di quanto è successo nel primo libro, e non presentarlo a spizzichi.
Se Francesca fosse orientata a pubblicare in cartaceo questo secondo libro, come io le consiglierò, se ne potrebbe parlare.
Altri commenti o impressioni ce li siamo già scambiati, io e lei, per telefono. Un'altra soluzione potrebbe essere quelle di pubblicare entrami i libri nello stesso volume in cartaceo, ma non vorrei che fosse impraticabile per via della anomalia dell'operazione stessa.
Devo però assolutamente farle i miei complimenti: lei è uno scrittore di valore, e sa tenere il lettore col fiato sospeso.
Un caro saluto, e con amicizia.
Giovanni P.

Caro Aldo, sono a metà di destini incrociati che trovo storia eccezionale e di sorprendente tensione narrativa.
Ho già detto più volte in questi giorni in Piemme il mio parere sulla decisione di accedere direttamente al kindle per il primo romanzo.
Mi lasci finire il libro e ne parliamo.
Un caro saluto.
Giovanni

Cominciate a capirci qualcosa?
Valentina Balsarotti, la distinta signora che fotografava i miei racconti, oggi è la mia agente: mi diede poche ore per decidere, o con noi o con noi; io accettai e secondo me feci un buon affare. Oggi i miei diritti sono rappresentati da dei professionisti capaci di stendere delle clausole contrattuali a me favorevoli.

Pacchiano, facendo seguito a quanto promesso via mail, si è mosso pesantemente in Piemme per far pubblicare in cartaceo sia Giulia dorme (col titolo Non dormirai mai più) che Destini incrociati (col il titolo di Fate presto e mirate al cuore).
Questo di cambiare i titoli dei miei romanzi è un'abitudine che hanno tutti i miei editori.
Tanto è vero che anche il mio nuovo editore, Marsilio, mi ha chiesto di cambiare il titolo al prossimo thriller. Ci sto lavorando anche se non trovo nessuna solidarietà da parte del mio zoccolo duro di lettori che invece apprezza molto il titolo provvisorio Nero e amaro.
Infatti chiedo aiuto a chiunque abbia letto il romanzo che mi dia una mano a trovare un titolo nuovo.
A questo punto avrete capito tutti cosa è successo e perché Non é vero non esiste di carta, nonostante tutti lo vorrebbero; non devo aggiungere nulla sui motivi per cui non esiste la versione cartacea, io non ho nessuna responsabilità in merito.
Se qualcuno davvero si prendesse la briga di scrivere all'editore domandandone i motivi e le possibilità future e mi riferisse gliene sarei veramente grato.

Nessun commento:

Posta un commento